Valle molto selvaggia, a poca distanza dall'abitato di Bormio. Dalla Pedemontana della Reit seguendo per Uzza, all'altezza del ponte sulla omonima valle, si prende sentiero verso nord. Irto. Ai lati saremo scortati dalle scoscese rive dei torrenti Mesadol e Roina. L'opera di erosione degli stessi è palese per tutta l'ascesa. A metà valle incontreremo cartello segnaletico (margine più a nord della mappa). Verso ovest-sinistra per traccia interessante ritorniamo verso Casina Alta. A nord verso difficile e poco visibile via fino alle dolomie della Reit. Ad est-destra si punta verso l'abitato di Madonna dei Monti. Prima di raggiungere le case, ripieghiamo a sud per incrociare la Pedemontana e fare ritorno alla "base".
Scorcio di Casina Alta , nella parte ad ovest del percorso, unito da passaggio sul torrente Roina, da bel sentiero.
Ripidissime dorsali scavate del torrente Mesadol. Il sentiero scende di traverso su pietraie di varie dimensioni. Si nota come il gesso di Mesadol, e non solo, sia facile preda dell'erosione per tutta la vallata.

Dolomie della Reit, sulla "Linea dello Zebrù", si contrappongono alle varie rocce più fragili alla loro base. Imponenti i solchi di erosione. La natura si ingegna per aggrapparsi ad ogni anfratto. Una escursione altamente impattante.

Scarica GPX

Photogallery Val d'Uzza 2007

Photogallery Val d'Uzza 2020

Contact Us

Address

Via Monte Cristallo 21 Bormio (SO) 23032 Italy

Phone

+39 0342904572